Dati dell'intervistato

Cognome
Grazioli
Nome
Alfredo
Data di Nascita
31 Gennaio 1920
Luogo di Nascita
Quinto di valpantena (Verona)
Nazionalità
italiana
Professione
imprenditore
Note biografiche
Alfredo nasce a Verona, in una famiglia molto povera. Nel 1939 diventa telegrafista dell'esercito. Partecipa alla Seconda guerra mondiale in Croazia e a Bolzano. Dopo l'armistizio scappa nelle Marche e dal 1944 torna a Verona dove fino alla fine della guerra contrabbanda generi alimentari. Nel dopoguerra lavora come rappresentante, in seguito si arricchisce grazie ad investimenti in terreni ed immobili. Fonda inoltre un'industria casearia .
Note
Intervista realizzata il 10 marzo 2006

Dati tecnici dell'intervista integrale

Durata
01:53:17
Colore
si
Sonoro
si
Lingua
italiano
Progetto
Seconda Guerra mondiale e resistenza trentina
Luogo
Trento

Contenuti dell'intervista

Soggetti
Seconda Guerra Mondiale,  Armistizio, 1943,  Bombardamenti, 
Abstract
Alfredo Grazioli nasce in un paese in provincia di Verona nel 1920. Cresce in una famiglia molto povera e fin da bambino svolge piccoli lavori. Nel 1939 si arruola volontario e frequenta il corso per marconisti speciali (radiotelegrafisti). Durante la Seconda guerra mondiale è impiegato prima nei servizi di intercettazioni e comunicazioni nei Balcani e poi nel genio a Bolzano. Dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943 lavora per l'industria Montecatini per evitare la prigionia in Germania. Nel 1944 riesce a scappare e raggiunge la famiglia nelle Marche. Ancora nel 1944 torna a Verona dove si crea un notevole giro di affari con il mercato nero. Nel dopoguerra lavora come rappresentante per diverse industrie alimentari e a partire dagli anni '50 mette a segno una serie di investimenti immobiliari e industriali di enorme successo.
Note
Intervista realizzata presso FMST (Torre d'Augusto) selezione minuti: 01:25:22 - 01:28:29

Scaletta tematica

00:00 - infanzia povera, scuola elementare e primi impieghi
05:45 - arruolamento volontario (1939) e corso per marconisti speciali a Roma
07:00 - primo periodo in guerra vicino a Postumia (attuale Slovenia) con ruolo nelle intercettazioni
13:35 - trasferimento a Dubrovnik (sistemi di comunicazione e intercettazione)
23:00 - le "scaramucce" dell'esercito italiano (invettiva contro il giornalista Toni Capuozzo)
23:55 - le efferatezze compiute dagli eserciti jugoslavi: partigiani, serbi e croati
31:20 - invettiva contro l'on. Palmiro Togliatti
33:02 - situazione dei cinque fratelli di Alfredo durante la guerra, uno muore in seguito alla battaglia di El Alamein
37:15 - congedo primavera 1943, rientro dopo un mese presso il genio di Bolzano (costruzione rifugi antiaerei)
39:46 - cronaca dell'armistizio (8 settembre 1943), lavoro per la Montecatini per evitare la prigionia in Germania
45:50 - fuga nella primavera del 1944 in direzione di Camerata Picena (AN) per raggiungere la moglie
58:15 - ritorno a Verona, lavoro e mercato nero in collaborazione con le Brigate nere
01:07:26 - come ha aggirato il servizio per l'esercito nella polizia postale
01:09:43 - vendita dello zucchero di contrabbando alle ditte dolciarie veronesi e altri episodi legati al mercato nero
01:23:15 - 2 gennaio 1945 bombardamento di Verona
01:29:15 - dopo la guerra, il lavoro come rappresentante (1947) prima a Verona e poi a Trento
01:32:40 - rappresentante nelle cooperative delle valli di Fiemme e Fassa
01:35:08 - 1950, la truffa che gli porta via tutti i risparmi e il nuovo incarico come rappresentante dell'oleificio Berio
01:41:12 - il successo e gli altri fortunati investimenti a Trento: terreni, immobili e costruzioni
01:46:24 - creazione della ditta casearia e "invenzione" del formaggio grattugiato in busta