Dati dell'intervistato

Cognome
Karach
Nome
Dario
Data di Nascita
6 Agosto 1988
Luogo di Nascita
Livno (Bosnia ed Erzegovina)
Professione
Venditore ambulante
Note
L'intervista è stata realizzata il 6 novembre 2012

Dati tecnici dell'intervista integrale

Durata
32:37
Colore
si
Sonoro
si
Lingua
Italiano
Progetto
International research on migrations
Luogo
Sopramonte (Trento)

Contenuti dell'intervista

Soggetti
Emigrazione,  Bosnia ed Erzegovina,  Guerre Jugoslave, 1991-1995, 
Abstract
Dario Karach nasce a Livno, in Bosnia ed Erzegovina, nel 1988. Nel 2007 decide di emigrare in Italia, che aveva già visitato grazie all'associazione “Progetto Prijedor”, e ottiene un visto di studio. Dopo aver terminato la scuola ottiene un permesso di soggiorno e viene assunto come venditore al mercato itinerante. L'integrazione in Trentino non comporta per Dario grandi difficoltà se non l'apprendimento della lingua. Nell'intervista viene anche descritta la tradizione del Natale per i serbi ortodossi e la situazione dei giovani rimasti in Bosnia ed Erzegovina in seguito alle guerre jugoslave
Note
Il referente del progetto è Valentina Galasso

Scaletta tematica

Cenni autobiografici 00:00:13
Emigrazione in Italia 00:01:15
Primi anni in Italia 00:02:02
Permesso di soggiorno per motivi di lavoro 00:03:15
Motivi dell'emigrazione 00:03:43
Integrazione in Trentino 00:05:29
Lavori in Trentino 00:07:40
Viaggi in Bosnia ed Erzegovina 00:08:12
Cambio delle abitudini personali dall'arrivo in Italia 00:08:52
Considerazioni sull'integrazione 00:10:50
Rapporti con le tradizioni bosniache 00:12:09
Situazione in Bosnia ed Erzegovina prima di partire e vita in Italia 00:13:36
Documenti necessari per ottenere il permesso di soggiorno 00:17:11
Distacco dal paese d'origine 00:18:24
Organizzazione di una giornata lavorativa e del suo tempo libero 00:20:35
Descrizione della festa del Natale per i cristiani serbi ortodossi 00:22:02
Chiesa serba ortodossa a Vicenza 00:24:57
Considerazioni personali sull'integrazione con i giovani trentini 00:26:14
Scuola in Italia e rapporto con i compagni 00:29:34